martedì 16 gennaio 2007

LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE





lo sapete che in italia
stanno per privatizzare l'acqua?


cosa vuol dire?
vuol dire che i comuni non avranno più potere decisionale sulle tariffe, sull'acquisizione delle fonti e l'uso delle falde,
e che,
soprattutto,
l'acqua che è
"bene
naturale e un diritto umano universale"
la cui "disponibilità e l’accesso individuale e collettivo all’acqua potabile sono garantiti in quanto diritti inalienabili ed inviolabili della persona
"
non potranno essere più tali!


vi prego,
di andare a firmare la proposta di legge popolare
nelle piazze delle vostre città
e per sapere dove e quando sarà possibile farlo
andate sul sito http://www.acquabenecomune.org/
e cercate la vostra città
nell'elenco a destra della pagina

oppure rivolgetevi ai comitati territoriali
(l'elenco compare cliccando sempre a destra, in alto)



COSA DICE LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE, IN 10 PUNTI.
1
L’acqua è un bene comune e un diritto umano universale,
la disponibilità e l’accesso all’acqua potabile sono diritti inalienabili e inviolabili della persona.
2
L’acqua è un bene finito, da tutelare e da conservare perché indispensabile all’esistenza di tutti gli esseri viventi
della presente e delle future generazioni.
3
Ogni territorio deve definire un bilancio idrico

che preservi la risorsa e la sua qualità.

4

Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico

privo di rilevanza economica,
sottratto alle leggi del mercato e della concorrenza
e finalizzato ad obiettivi di carattere sociale e ambientale.
5
Il servizio idrico integrato deve essere gestito esclusivamente
attraverso enti di diritto pubblico.
6

Entro tempi certi devono terminare tutte le gestioni
affidate
a privati,

a società miste pubblico-privato
e a società a totale capitale pubblico.

7

50 litri per persona è il quantitativo minimo vitale giornaliero
garantito e gratuito.
8

I lavoratori del servizio idrico e gli abitanti del territorio
partecipano attivamente alle decisioni
sugli atti fondamentali di gestione del servizio idrico integrato.
9
Il servizio idrico è finanziato
con la riduzione delle spese militari,
con la lotta all’evasione fiscale,
con tasse ambientali di scopo.
10
Un fondo nazionale finanzia progetti

per l’accesso all’acqua potabile nel sud del mondo.

3 commenti:

elda ha detto...

Ciao Antonella,
come sempre sei AVANTI e fortunatamente ci fai partecipi oltre di tante belle cose anche delle 1000 disgrazie che incombono sulle nostre teste se solo lasciamo fare a chi ci gorverna (questi ultimi come chi prima di loro e come chi arrivera' dopo...tanto son tutti uguali). Faro' il possibile per informare di questo quante piu' persone conosco....e speriamo in bene.

Anonimo ha detto...

Hai ragione qnd dici che l'acqua è un bene comune ed universale...ma se pensi a quante persone hanno attacchi abusuvi dell'Acqua allora cambieresti idea!Dalle mie parti ne conosco alcuni, e poi noi dovremmo pagare pure per loro???No-No ognuno si paghi il suo...su consumo!!!Cmq è da un pò che sbircio sul tuo blog, veramnete bello ed interessante,se ti va fatti un giro pure sul mio giugiu78.splinder.it. A presto

antonella ha detto...

cara giugiu78 sono d'accordo con te per quello che riguarda gli attacchi abusivi dell'acqua: ognuno dovrebbe pagare del suo consumo! ma se nessuno denuncia queste ingiustizie siamo come loro, loro complici.....

non so in quale parte d'italia abiti, ma sono certa che le sopraffazioni sono ingiuste a qualsiasi latitudine e bisogna avere il coraggio per dire basta

grazie per essere stata mia ospite
antonella